Options

Content elements:
Slideshow background:
Bottom:
Footer:
Link Color:
Color suggestions:
Header Style:
Google Fonts
expand

Mostra fotografica "Programma Apollo 2" di Antonio Criscuoliapollo-2

Sabato 7 Luglio ore 21:30 strada per San Giovanni Rotondo

Avio superficie località Macerone

L’opera realizzata da Antonio Criscuoli, nata da un’osservazione divenuta rapidamente in-dagine e incarnatada immagini che spingono a riflessioni quanto mai attuali e rilevanti. “Programma Apollo 2”, costituito da nove dittici verticali, rispecchia perfettamente la carat-teristica fondamentale del linguaggio fotografico, dove il messaggio è generato dalla sequenza delle immagini ed emerge dal loro sapiente accostamento. In questo caso, però, le direzioni di lettura sono due: una orizzontale e l’altra verticale, in antitetica lotta per conquistarsi una insensata precedenza. E’ una sequenza di frazioni i cui numeratori si confrontano o si scontrano con i denominatori, nel tentativo di scaricare l’animo dell’autore per liberarne la poetica.Sembra quasi, d’altro canto, di scorrere uno spartito musicale col pentagramma superiore in chiave di violino e di quello inferiorein chiave di basso, ma il musicista (lettore, fruitore) deve eseguirli contemporaneamente, pena la perdita della composizione originaria. La conquista della luna, al piano di sopra, è considerata dal nostro Autore solo il pretesto per affrontare, in puntuale contrapposizione o confronto col piano di sotto, gli interrogativi che l’umanità si pone o i problemi che è costretta ad affrontare nel corso della sua storia. L’opera di Criscuoli è l’apologia del dubbio e del disorientamentoche ancora attanagliano la mente di un homo che troppo frettolosamente, a giudizio dello scrivente, è stato definito sapiens. Scorrendo le immagini nell’ordine proposto, con coerenza e omogeneità di stile appaiono l’uno dietro l’altro i cardini su cui le porte mentali ruotano, schiudendo orizzonti fisici e non: la vera sostanza dell’opera. Dopo la presentazionedelle location (luna e terra, satellite legato e collegato al pianeta), la partenza del razzo, inizio dell’avventura spaziale, è abbinata alla culla, simbolo della rinascita dell’umanità. Seguono le orme, spaziali e terrestri: asettica testimonianza di una presenza passata o disumano desiderio di lasciare il segno, atavica caratteristica del nostro genere?
La domanda può apparire retorica, ma se solo passiamo al dittico successivo non lo è poi tanto: desiderio di conquista, di scienza, o vampiresca setedi possesso? Andando ancora avanti, l’ormai consueto confronto evidenzia un’altracifra inalienabile dell’animo umano: il desiderio diesorcizzare la morte, di eternare se stessicreando e lasciando un oggetto che memorizzi per gli eventuali posteri  sopra  e regga il confronto con l’immensità del mare sotto. Lasciamovolentieri, a questo punto, che sia il visitatore a continuare la lettura dell’opera nell’ottica suggerita, scoprendo la forza degli altri temi proposti e costatando come possa la fotografia (che per sua natura si configura come un linguaggio indicale) esprimere concetti di livello ben superiore alla realtà dell’informazione materiale in essa contenuta. E’ un invito alla riflessione, anche questa su doppio binario: sulcosa e sul come si possa comunicare con la fotografia. Chi (e soprattutto, come) siamo, dove siamo o saremo, cosa facciamo e cosa faremo, dove e come ci ritroveremo, come (e se) saremo mai liberi da inutili orpelli o ritorneremoa essere parte vera della natura, della nostra natura, del nostro mondo…

Filomeno Mottola - AFI (artista della fotografia italiana) - DD (Docente Dipartimento Didattica)

Newsletter

Contatti

Manfredonia Fotografica
Presso LUC Manfredonia
(Martedì . dalle 20.30 alle 22.00)
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Torna su'